venerdì 25 gennaio 2013

SOURPRAIS (ovvero: incontri mattutini)

Considerato lo stop della dottoressa per nuovi esami, io che sono cattiva come la gramigna, stamattina sono andata subito al libero accesso per esami sangue + fottuto tampone.
Yeah.
Una selva di pancioni mi accoglie al CUP.
Fila lunghissima.
Alle mie spalle: Ciao!
mi giro, è L.
L. che non vedo da 3-4 anni, ci si vedeva saltuariamente anni fa, ha 28 anni adesso se non calcolo male.
Vedo che ha voglia di chiacchierare, io meno, ma tant'è, siamo in fila e che vuoi fare?
Le chiedo cose a caso, come va, come sta.
Risponde con aria misteriosa....che va tutto bene, che però è sempre qua a fare analisi negli ultimi giorni. Mi guarda in attesa.
Io, che non sono il mago Zurlì ma non sono neanche completamente sorda alle sollecitazioni mute del suo sguardo, cedo, e dico:
Ohi..sempre qua...mmm...non dirmi...sei forse....?
Risposta ovvia. Sì. Di 2-3 settimane, presto perchè si veda, ma insomma sì sono incinta. Ahhh guarda...non so neanche se essere contenta o no, insomma sì però ancora non lo cercavo, lo sai come sono io (N.B. ti conoscevo poco anni fa...cosa vuoi che ne sappia ora), ho sempre mille cose da fare, mi piace uscire...adesso boh...la sera mi sa che a ballare non ci vado più.
Ride.
Io sorrido a caso, e intanto stringo in mano il mio campione di urina, perchè la gine mi ha obbligata a fare il test di gravidanza lì al CUP, prima di partire col progestinico. Perchè sto ritardo del ciclo è sicuramente un ritardo da ovaio poliminchioso, ma il test va fatto.
Per fortuna la fila avanti a me si riduce, e vengo risucchiata nel vortice delle provette e dei pagamenti.
Non ce l'ho con L.
Mentre parlava mi sentivo un po' stordita, non avevo voglia di ascoltare, e mi veniva da pensare a me stessa. Mi accorgo che nei suoi confronti provo una specie di invidia.
Anche se invidia implica un sentimento malevolo, che non sento.
Sento più il senso di un "anch'io anch'io anch'io" inutile. Perchè io lo so che a me non capiterà mai di dire "oh è arrivato per caso".
E' tanto se arriverà cercandolo, stanandolo e medicalmente assistendolo.
Chissà se lo sa, L., quanto è fortunata di poter dire "oh sai, è capitato". Che sorpresa meravigliosa deve essere. O almeno, io lo immagino così.


p.s. e intanto...altri soldi che volano dalla finestra. Sanità pubblica un paio di palle. Tra un po' mi metto a fare in conti seriamente di quanto speso fin'ora. E mi sa che mi conveniva un centro privato.

5 commenti:

  1. Queste sono le cose che mi mandano più in palla,
    per cui ancora soffro come cane bastonato.Probabilmente è questione di carattere..c'è chi ci riesce a convivere con certi eventi e chi, invece, manco un pò. Io sono una di quelle manco un pò. Ma ci sarà sempre chi sottovaluta i miracoli perchè appunto non li prega e non li chiama ogni santo giorno.Pensa che quando capiterà a te si festeggerà anche nelle nostre case,sarà una festa globale,meglio delle sagre del vino e di Sant' Agata. Mia madrre già ha aderito all'iniziativa, mi dice di avvisarla quando una di noi.. ;) !

    RispondiElimina
  2. il mio augurio è, a questo punto, che la vostra vita diventi un party :o)

    RispondiElimina
  3. Sarebbe proprio bello...un party globale :)

    Nel frattempo ho ritirato al laboratorio analisi il mio test di gravidanza negativo.
    E nell'uscire, ho tenuto aperta la porta a un pancione e un pancino.
    Inizio ad accusare un po' la giornata...

    RispondiElimina
  4. Diarista cara ti abbraccio forte, anch'io mi domando spesso come dev'essere "ritrovarsi incinta" pagherei oro per poter provare una cosa del genere. E mi fa incazzare chi non si rende conto di quanto è fortunata.
    Un bacione
    Ps: posso rubarti la definizione "ovaio poliminchioso"? Trovo che non esista definizione più adatta!!!!!

    RispondiElimina
  5. Ruba ruba...mi fa piacere se la mia definizione fa scuola :)

    RispondiElimina