martedì 5 marzo 2013

sono solo un po' stanca




E' così che mi sento.
Appena un po' stanca.


Mi sembra di non fare altro che correre e correre.
E finito di correre, cerco di parlare, anche. Di condividere. Di essere il più possibile comprensibile. Cerco di sorridere, anche. Cerco di non ferire.
Ma sono un po' stanca.
Sono un po' stanca di fare tanti sforzi e di vedere che non servono, che non c'è una carezza, un bacio. Che ci sono gesti appena meno fraterni di quelli di un amico.
Sono un po' stanca.
Sono un po' stanca di S., della tua amica S. che dice ogni tanto "ah, sì, salutami Diarista eh?" nei vostri lunghi scambi a base di: "Filosofo, quanto ti voglio bene, dobbiamo vederci presto!", "Oh, sì, S., sei una persona splendida".
Sono un po' stanca. Voglio essere splendida anch'io, ma io non ho i genitori che mi trattano da principessina. Non ho nemmeno un fidanzato con cui fare simpatiche cose intime che poi racconto a tutti, perchè è bello parlare di quanto facciamo sesso. Non ho i soldi per comprarmi tanti bei gingilli.
E soprattutto io non sono una che vedi solo ogni tanto, quando è in forma, quando è tutta tirata e carica e non vede l'ora di fare le feste al suo bell'amicone.
Sono appena un po' stanca.
E sono appena un po' stanca anche del senso di colpa. Sono appena un po' stanca di tutto.
A volte mi viene persino da chiedermi se sia davvero giusto, cercare un figlio.


7 commenti:

  1. ....mi spiace. Spero solo che sia la stanchezza di un momento.
    Vedrai che domani mattina starai meglio...e per la cronaca...sono sicura che tu sei splendida...soprattutto perchè sei così, naturale e senza gingilli.

    RispondiElimina
  2. Se solo vivessimo vicine te la farei io quella carezza, berrei con te una tazza di cioccolata e sarei felice di condividere il mio tempo con una donna forte e speciale come te. Senza gingilli, nè orpelli. Unite nello stesso dolore, ma determinate a lottare sempre col sorriso sulle labbra. Io ti sono vicina anche se siamo lontane. Ti domandi se sia giusto cercare un figlio. Sì, per una donna come te, per una giàmamma di cuore e di testa (perchè le vere mamme non sono quelle che lo sono solo di pancia), ti rispondo di sì. E' giusto! Ti sarò vicina in questo percorso e ti terrò per mano. Io so che ci riuscirai! :***

    RispondiElimina
  3. la stanchezza è un momento
    comune a tutti i viaggi.
    siediti, riprendi le forze, prenditi cura di te e ricomincia a camminare.

    p.s.
    gingilli, orpelli e sensi di colpa fanno solo zavorra... meglio non averne :o)

    Adelia

    RispondiElimina
  4. Grazie a tutte...credo di essere non solo stanca, ma anche preda degli ormoni che ballano la samba nel mio corpo.
    Con questo Gonal mi sento in una perenne sindrome premestruale, tutto mi pizzica addosso con più vigore.
    Sono stanca veramente....ed è vero, un figlio lo cerco davvero, a volte mi sembra di essere già mamma in qualche modo, come dice Pitipumpala, anche se in un modo un po' così.
    A volte penso che arriverà e che a quel punto sarò veramente completa, a volte ho paura che arriverà e io non sarò capace.
    Sono un crogiuolo di casino, ultimamente.
    Ma questa cosa dell'intimità dispersa continua a darmi mazzate. E continua a farmi inacidire quando vedo i suoi slanci affettivi rivolti altrove.
    In quei momenti vorrei avere il martellone di Thor, e scagliarlo sulla testa sua e della destinataria del gesto.
    Forse sono un po' squilibrata. Forse....

    RispondiElimina
  5. Sono d'accordo con Adelia. Anch'io mi sono chiesta spesso se era giusto cercare un figlio. Eppure oggi dopo 7 anni, ci stiamo ancora provando.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  6. ieri avevo scritto un ultra messaggio ..l'ho scritto sulla tastiera. te pareva. dicevo che sui dubbi ti comprendo..e quando scrivi de senso di colpa, lo sai, mi ritrovo molto. sul dubbio d cercare il bambino o no...se sia giusto... ti scrivevo che secondo me sete fregati, sei fregata. perchè il pupo vi sta cercando a sua volta. è una ricerca reciproca, un incastro necessario dettato da leggi molto più alte di noi.e non resta che fare il percorso per trovarsi nel miglior modo possibile, ricordand quanto di bello c'è. (anche io quando vedo i film coi belloni perdo la brocca e penso che charlie è una palla e io voglio quello che sta con la yang di greys anatomy. poi mi volto e lo vedo e lo penso pure di più.due mesi di astinenza e non so più come si fa. poi però vedo che senza è una miseriaccia di tristezza e non potrei mai...e riparto con l'aiuto di yamamai).alla fine siamo destinate ad essere mamme con questi papà :*

    RispondiElimina
  7. Petalo....sono convinta di averlo letto, l'altro messaggio. Dove sta? Boh, però io sono convinta di averlo letto...dici che sto flippando completamente?
    Se il pupo mi sta cercando...è proprio come la sua futura mamma, allora: imbranato duro, perchè cerca che ti cerca, non ci incontriamo!
    I belloni a me non fanno quasi mai effetto, la parentesi danese fu con un delizioso vichingo che ringrazio ancora :-), più che altro su di me fanno effetto quelli che mi fanno sentire che...mi vedono. Che fanno vedere che si interessano. Però capisco cosa vuoi dire...spero solo che anche il destino lo sappia, che sono destinata. Che se no mi girano!!! :)

    RispondiElimina