lunedì 19 gennaio 2015

33 settimane - ecografia di accrescimento e ginecologa wrestler

Lui cresce.
Anche se io non prendo peso, anche se la glicemia non è sempre giusta (ma per fortuna sta tornando ad essere nei giusti parametri)...lui cresce.
Alla fine ce l'ho fatta, a fare l'eco di accrescimento, dopo mille peripezie.
La ginecologa ha preso tutte le misure, ha detto che non tutte corrispondono alla stessa settimana, ma che facendo una media...va bene...
Peso stimato 2 kg (con +/- 10% mi pare), insomma niente di eccessivo, ma neanche troppo piccino.
Peccato che la ginecologa non riuscisse a prendere bene la misura della pancia...e mi abbia martoriato per 15 minuti di seguito, a un certo punto appoggiandosi tutta di peso sulla mia pancia con l'ecografo.
Al mio lamento di dolore ha risposto "eh, non riesco a prendere la misura bene, non sono sicura...guardo meglio".
Ok, gjuarda pure, ma mi stai devastando.
A quel punto è entrata nella stanza un'altra tizia, che butta l'occhio e dice "oh ma guarda come dorme..ora lo disturbo" e mi pianta 4 dita nella pancia.
Lì però ho urlato. Lo so, se urlo ora cosa farò al parto? Non lo so, ci penserò allora.
E poi, cazzo, da un'ecografia non mi aspettavo un assalto così doloroso.
Il Filosofo è impallidito e si è alzato in piedi, dalla sua posizione defilata da dove guardava.
la dottoressa a quel punto si è fermata e ha detto "eh, lo so, fa male...ma se voglio vedere bene...su su, sopporta un po'".
Ho sopportato.
Alla fine ha preso un'inquadratura soddisfacente. E la misura era uguale a quella presa 10 minuti prima.
Ok. Mi ha mandata a casa dicendomi "magari non toccarti tanto la pancia, che sarà un po' indolenzita".
Ah sì? giura.
Un po'. Per DUE GIORNI non sono riuscita a fare più di 3 passi di seguito senza dovermi fermare per il male. Pancia di marmo, durissima e dolorante. Che cazzo, se mi avesse preso a pugni non sarebbe stato tanto diverso.
Per fortuna le tre santissime donne dell'associazione presso cui faccio il corso pre parto mi hanno accolta e rassicurata, due mattine dopo, quando ancora il dolore si faceva sentire.
L'ostetrica mi ha fatto una piccola visita, deprecando i modi di chi dovrebbe sapere che l'utero non va stimolato in questo modo, e mi ha rassicurata sul fatto che lui comunque sta bene.
Fisioterapista e psicologa...sono state lì. Accoglienti come sempre.
Per fortuna esiste quel posto, con la "stanza delle mamme" dove si può andare una volta a settimana per parlare, sfogarsi, stare insieme ad altre donne in situazioni simili, e dove fanno tante tante piccole e grandi cose e attività per donne in gravidanza, mamme e bimbi piccoli.
Non credevo che avrei percepito in modo così positivo quel posto, una zona protetta, una zona sicura che anche se è fuori casa...è come un nido, dove è lecito dire qualsiasi cosa e sfogarsi in tutti i modi.
Non per niente all'ultimo incontro di corso, su 4 gestanti...abbiamo pianto in 3, nella consapevolezza di tutte che erano pianti "immotivati", ma contemporaneamente, in quel momento, "naturali".
Insomma...le cose procedono...la pancia comincia a tornare normale, mi sembra improvvisamente ingrandita, negli ultimi 2-3 giorni, e fa meno male.
Presto dovrò chiamare l'ospedale dove penso di andare, per prenotare alcune visite prelimiari, e nel frattempo cerco di non pensare troppo a cose preoccupanti.
Il Filosofo, dopo essersi spaventato all'ecografia (non per l'eco in sè, quanto per il dopo), è un po' più presente e comprensivo...e inizia ad aver paura anche lui per il parto e tutto quanto.
Ha dimostrato di aver capito che ho bisogno di protezione quando sua madre, ieri al telefono, ha tentato di raccontarmi una storia orrenda di un parto terrificante. Appena l'ha sentita cominciare con il discorso, ha preso il telefono e si è incazzato con lei, dicendole tra l'altro che LUI non vuole sentire questi discorsi, così che lei non tirasse fuori, come fa spesso, il fatto che poi lui non deve "preoccuparsi troppo per me".
Avrei preferito che non ci fosse bisogno, ma va bene anche così, l'importante è che l'abbia stoppata e che sia dalla mia parte.
E ora...andiamo avanti...contando sempre un giorno alla volta....

6 commenti:

  1. Queste tizie della asl sono terrificanti!!! Povera la tua pancia!!! Per fortuna il piccoletto sta bene e tu sei un pò più serena, e anche Filosofo mi sembra. Che bello questo posto delle mamme, vorrei che ce ne fosse uno così anche da me, ma per ora non mi sembra..magari quando andrò a fare il corso pre parto scoprirò qualcosa...dai che state andando benissimo, sono orgogliosa di te!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sembra che non siano neanche abituate a trattare con donne in gravidanza...l'avrei vista meglio a pigiare l'uva, vista l'energia!
      Per il discorso corso preparto..la mia ginecologa mi aveva sconsigliato il consultorio, perchè qui dove sto io i loro corsi sono notoriamente allarmistici e tirati via.
      Per questo io ho cominciato a chiedere in giro e ho scovato questa associzione. Il corso è costato il doppio di quello che costa al consultorio, però eravamo solo in 4 a frequentarlo (fanno corsi per poche donne apposta), molto seguite anche al di fuori del momento corso, e altra cosa molto carina la prossima settimana facciamo una lezione in acqua alle terme...
      tra l'altro l'ostetrica fa anche visita in ospedale post parto ed è molto disponibile..
      Diciamo che se tu abitassi qui te lo stra consiglierei! :)
      Però informati su entrambe le cose:
      - se il corso preparto "pubblico" è ben fatto (magari sì, la tua regione mi sembra molto brava!!!)
      - se esistono associazioni che facciano queste cose...gestite da professioniste (su questo direi che conta l'opinione di chi l'ha frequentato).

      Elimina
  2. Mamma mia che incubo di ecografia!!
    Io con le mamme conosciute al corso preparto della asl gratuito mi sono trovata benissimo...ci frequentiamo ancora e soprattutto i primi tempi sono state di grande aiuto...soprattutto chi aveva già esperienza!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecografia terrificante, sul serio...o sono io che sono una mammoletta davvero, o lei mi ha picchiata come un fabbro!!!
      Ecco da noi il corso preparto asl è a pagamento (perchè? Misteri regionali?)... Poi ovviamente dipende da posto a posto, qui chi lo ha fatto lo sconsiglia perchè tenuto molto in stile gestapo, ma se fatto con un senso, e gratuito...bello!!!!

      Elimina
    2. Anche qui da me il corso preparto è gratuito e tutte le mie amiche che l'hanno frequentato si sono trovate bene...io purtroppo non ci sono arrivata...mi ero iscritta ma non ho fatto in tempo a frequentarlo :-(

      Elimina
    3. Ma solo qua si paga??? :-S
      Boh...
      Io l'ho fatto "in anticipo" (perchè partono piccoli corsi a cadenza più o meno mensile, e non riuscivo a rientrare in quello dopo con sicurezza...)

      Elimina