lunedì 27 aprile 2015

Meglio sola? Forse sì, lo ammetto. (e richiesta di consiglio)


Mi sto accorgendo di una cosa...che non è che mi faccia tanto piacere, ma insomma, è così.
Il Filosofo è davvero poco a casa, il tempo più lungo è una mattina ogni tanto, se no di solito arriva la sera, a volte quando noi due stiamo già andando a letto.
E quindi...quindi io e Topo stiamo molto noi due. Certo, si va in giro, si va dai nonni, si va all'associazione dell'ostetrica con altre mamme..ma ci si va io e lui.
A me piace molto quando babbo e figlio stanno insieme, lo vedo che stanno bene, e mi piacerebbe passare anche più tempo insieme tutti e tre.
Tanto che quando capitano settimane come quella passata, in cui il Filosofo per 3 giorni di seguito (chiaramente venerdì sabato domenica) esce di casa alle 7 e rientra verso le 22 per strisciare a letto...penso “che peccato”, ma anche “Oddio come faccio da sola sempre?”.
Perchè, in teoria, in tre si sta molto meglio. In teoria. Ecco, la cosa che mi dispiace.
Che mi sto accorgendo, che poi, nella pratica, io sto bene anche quando siamo io e il mio bimbo.
Anzi, sto quasi...meglio. Mi vergogno a dirlo. Ma è così.
Mi accorgo che sono più rilassata. Più tranquilla.
Quando siamo noi due e basta ho i miei ritmi (molto variabili e incasinati, certo), facciamo le nostre cose con i nostri tempi sconclusionati, improvvisando parecchio e decidendo un po' strada facendo cosa fare, se uscire, se stare, se poppare, se fare il massaggio o il bagnetto, se andare qua o là.
Topo è un bimbo molto dolce, ma non regge per molto tempo fisicamente separato da me o da suo padre...e quindi andare in giro significa marsupio o fascia (ma spero presto mei-tai, che la fascia rigida mi fa un caldo cane, e quella ad anello l'ostetrica me l'ha sconsigliata), o se si esce con la carrozzina, frequenti soste poppata o soste coccola.
Io ci sono abituata, e so che magari ho programmato di fare due tre commissioni...ma poi lui si agita, si stanca, e allora si torna a casa, o si cambia itinerario, o si fa una pausa un po' così, su una panchina, anche se chi passa ti guarda male perché allatti (pur facendolo tentando di coprirmi con una giacca, di solito).
Non mi crea problemi, dopotutto è un neonato, e quindi i suoi bisogni sono la prima cosa, per me, sempre.
Quando siamo in giro in tre...il Filosofo è un po' meno abituato, si innervosisce, inizia a fare commenti tipo “ma così non si può”, “ma non si riesce a far niente”, “sbrigati che lui si sta incazzando e dopo come si fa”, o anche “ah a sto punto lascialo strillare!” (questo lo dice passandolo a me, però, non gestendolo lui...e sapendo che io NON lo lascio strillare).
E io mi accorgo che parto già più tesa, ultimamente, quando siamo in giro tutti e tre insieme, e non mi piace. Vorrei essere tranquilla (compatibilmente col mio carattere ansioso) come quando siamo io e Topo.
Anche perché, sentendomi così, sto cominciando a preferire quando siamo soli, anche se fisicamente è più faticoso andare a fare la spesa, andare in giro a fare le commissioni e tutto il resto, avendo anche l'esclusiva sulla gestione del piccolo. E' più faticoso...ma è meno stressante, perché non mi sento di dover calmare DUE persone anziché una...
Passerà anche questo, immagino, quando lui crescerà un pochino e suo babbo sarà più capace di gestirlo. O quando, per qualche miracolo, il Filosofo comincerà a stare di più con noi e quindi ad abituarsi allo scombussolamento dei programmi.
Spero che quando io tornerò al lavoro il Filosofo riesca a ritagliarsi qualche domenica per stare con noi, o in tre non ci staremo mai, visto che io sono a casa sabato e domenica, e lui in quei giorni esce la mattina e torna che fa buio, dal lavoro. Boh.
Nel frattempo...un po' perché io + bimbo è una formula che funziona, un po' perché non c'è altro modo, pare...sto cercando di informarmi per andarmene qualche giorno al mare con Topo, a fine maggio (se fa caldo).
Abitando in Emilia Romagna non è difficile raggiungere il mare, ma vorrei farmi qualche giorno di seguito per poter fare le cose con calma, e soprattutto goderci le ore migliori, primo mattino e tardissimo pomeriggio.
Pian piano racimolo informazioni, poi dovrò valutare che tipo di struttura scegliere (pensioncina o monolocale?) e anche il luogo, anche se sono un'esperta di “mare da pensionati”, e credo che starò su una delle mie tranquille mete preferite.
Ah...se qualche lettrice che passa di qua avesse consigli...sono più che bene accetti!!! (Anche consigli di blog di mamme che si spostano da sole con i pargoli...gite...vacanze...tutto!!!!)


p.s. se mai per una imprevedibile modifica il Filosofo dovesse decidere di migrare un po' al mare con noi...ne sarei felice, ma sto smettendo di farmi illusioni sul fatto che il suo lavoro di cazzo (tanto stress, orari idioti, soldi quasi zero) possa essere sostituito da qualcosa di sensato...e quindi...

9 commenti:

  1. Posso immaginare come ti senti......
    Io credo che se tuo marito riuscisse a stare di più con voi si abituerebbe ai vistri ritmi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un premio sul mio blog. Se ti va quando hai tempo dai un'occhiata!

      Elimina
    2. grazie del premio :), appena ho tempo di rispondere...lo faccio subito!

      Elimina
  2. Io non sono in grado di consigliarti...non so come cambierà la nostra vita in tre, che equilibrio troverò...però credo che il nervosismo del Filosofo sia dovuto al fatto che ci sta così poco con lui che ancora non si è abituato..ed è normale che tu ti organizzi meglio quando siete in due, perché invece hai già trovato un vostro equilibrio standoci sempre insieme in modo quasi esclusivo! Vedrai che quando il piccolo sarà un po' cresciuto e inizierà a interagire anche il Filosofo si sentirà più coinvolto e farà di tutto per passarci più tempo insieme...quanto alle vacanze al mare...grande idea!!!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente la vita cambia, in tre...io credevo, non so perchè, che sarebbe stato più facile dal punto di vista genitoriale, che avrei avuto una mano in più da mio marito...ma mi rendo conto che non è così e che devo accettarlo e basta, ficnhè il bimbo non sarà più grandino, allora sicuramente sarà più facile per il Filosofo rapportarsi.
      Fino ad allora però..è dura!

      Elimina
  3. gli uomini sono comunque piu' insofferenti e meno pazienti nei confronti dei bambini...tutto cambia...anche il momento di andare in bagno se non è in buona e sei sola lo devi rimandare o portartelo dietro...Devi uscire si addormenta, tocac a te alla posta? Si sveglia e si mette a piangere tutte le volte? no ma puo' capitare noi donne rimediamo loro sbuffano e gli danno di rompiballe!
    poi piano piano si abituano anche loro...sempre meno di noi eh...
    Per il mare un'amica mi ha consigliato l'hotel Ascot a Cervia...dai un'occhiata io ancora non ho guardato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente meno pazienti!!!! Questo è forse uno dei problemi più grossi..
      Grazie del consiglio, vado a vedere il loro sito (ovviamente io decido di andare al mare e qui viene la nebbia..a maggio!!!!)

      Elimina
  4. Anche io ti ho premiata :) !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! :) devo trovare il tempo per rispondere...ma quando? :DDDD

      Elimina