sabato 6 giugno 2015

Al mare con il neonato. The day after


La mia minuscola vacanza al mare con Topo è già finita, ed è il momento di fare il bilancio della situazione.
Questa era stata una gita di prova, fatta anche allo scopo di “tararmi” un po'.
Dunque.
Il viaggio in auto è andato benissimo, non c'era tanto traffico e Topo si è distratto con la giostrina montessoriana appesa al manico dell'ovetto.
Non è stato simpatico lo spostamento di Topo+ovetto, zainetto e borsa del cambio. Diarista sherpa nepalese, oh yeah!
La permanenza in albergo:
Dati a favore:
- non dover fare pulizie
- non dovermi preoccupare di cena e colazione

Dati a sfavore:
- stanza microscopica, in tre con il Filosofo non so come avremmo fatto a starci, anche se era una matrimoniale.
- bagno ancora più microscopico, scomodissimo il minilavandino per lavare il sederino di Topo
- orario rigidissimo per la cena
- gestione del latte artificiale.

Stare in albergo è comodo, per la questione pulizie soprattutto...ma mi sa che dovrò cambiare albergo, se voglio riprovarci.
Per quanto sia, serve una camera un po' più spaziosa, dove io possa muovermi senza sbattere nei muri, specie se ho Topo in braccio, e con un bagno decente.
considerando che il sedere topesco va lavato ogni due ore circa...serve un lavandino degno di questo nome, facile da raggiungere e da usare.
E' stato un po' un casino gestire il latte artificiale, perché in albergo non riuscivano a capire il concetto di “fate bollire quest'acqua per favore e poi mettetela in questo thermos”.
Bollire. Non scaldare appena. Bollire, cavolo. Niente, troppo complesso. Questo ha reso molto complesse le operazioni, visto che dovevo far rifare la procedura almeno tre volte prima di avere un thermos decente...e considerando che tutto questo va fatto con Topo in braccio che inizia a stufarsi di fare su e giù dalla camera quando invece vorrebbe solo mangiare, non è stato bello.
Questo mi fa pensare che un monolocale con microonde sia la soluzione migliore, decisamente meno incasinata e più facile per tutti.
Per la sterilizzizazione invece sono andata bene, ho trovato alla coop un liquido per sterilizzare a freddo ed è stato facile (l'unica cosa è che il tempo di azione è un'ora, quindi va un po' calibrata la cosa).
La gestione dei pasti è stata più o meno buona, Topo è stato bravissimo e paziente mentre io cenavo (è stato nel suo ovetto che uso in auto, visto che non mi sono presa dietro la carrozzina e nel mei tai quando sono seduta non sta tanto comodo), ma avere orari molto stretti per scendere a cena non è comodissimo, considerando che lui mangia e dorme a orari non esattamente fissi.

La spiaggia:
probabilmente sarebbe stato più comodo avere la carrozzina, perché il lettino è duro, anche con il mio asciugamano sotto.
Abbiamo passeggiato lungo il mare (io da brava vecchietta con le caviglie in acqua e lui nel mei tai), copertissimi per evitare il sole anche se erano orari “buoni”, abbiamo messo i piedi nella sabbia tutti e due e lui ha anche un po' pisolato.
Ho meditato anche sulla gestione spiaggia...e direi che può avere più senso prendersi un ombrellone portatile e organizzarsi in spiaggia libera, tanto il lettino non serve, meglio magari un piccolo materassino gonfio.
Comunque quando riusciremo a portare anche il Filosfo voglio prendermi dietro la vaschetta gonfiabile che usiamo per fare il bagnetto (non avendo la vasca...), per fargli fare il bagno in spiaggia.
Non è semplicissima la spiaggia, con la sabbia e tutto il resto, ma ce la siamo cavata.
Bagaglio: come accennavo, il bagaglio è stato un po' pesante da portare, per quanto avessi ridotto all'osso...era di una pesantezza importante.
Non ho portato dietro il cuscino da allattamento (che però un po' mi è mancato), per il resto le cose erano quelle che avevo elencato.
Si è rivelata inutile la mia maglia di ricambio, perché alla fine mi sono tenuta quella tutta ciucciata da Topo.
Utilissimi invece i campionicini di creme, sia sue che mie, visto che io se mi espongo al sole, nonostante la protezione totale, poi devo ricoprirmi di aloe e doposole.

La conclusione è che è fattibile (lo so, ho scoperto l'acqua calda): in albergo ce la siamo cavata, in spiaggia pure, di notte a parte alcune difficoltà mie a dormire nel letto morbido siamo andati bene.
Si fa.
Ma è una fatica boia.
Un po' perché lui è pesante, e a portarlo addosso comunque il peso si sente, un po' perché essendo da sola bisogna fare tutto con lui.
Chiaro, questo è vero anche a casa, visto che siamo molto io e lui. Ma in casa è diverso, so come e dove lasciarlo “solo” se io sono in un'altra stanza, posso organizzarmi per mangiare in modi che in albergo non sono possibili, è tutto più tranquillo.
Non che in due le difficoltà si dimezzino, visto che comunque Topo resta appannaggio più che altro mio, ma credo che si ridurrebbero: alcune cose potrebbe farle uno di noi adulti mentre l'altro sta con Topo, per esempio, e anche il “trasporto” potrebbe essere distribuito.
Insomma...lo rifarò? Perchè no, ma magari anziché al mare...in montagna, per cambiare!

p.s. ….ed è una soddisfazione essermela cavata. Anche se non ho fatto chissà che cosa, per me è un traguardo importante. Non ero così sicura di farcela.

6 commenti:

  1. Per me sei mitologica..tipo una di quelle divinità con trecento ciocche e seicento braccia. Davero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SiRRRRvia!!!!!
      se per ciocche intendi quelle di capelli...decisamente meno di 300...dopo il parto sto perdendo capelli a mazzi, ma mi piace la divinità...mi piace (e quanto farebbero comodo non dico 600 ma 6 braccia?)

      Elimina
  2. Che brava!!! Sei stata bravissima, ci credo che sei fiera di te!!!! Utilissimi i consigli, forse un giorno proverò a imitarti, per ora la sola idea di trovarmi da sola con cesare in luogo sconosciuto senza Carl mi terrorizza, ma passerà credo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi sa che mi sono "temprata" con l'orrenda esperienza in UTIN, dove il Filosofo c'era e non c'era e l'ambiente era parecchio ostile. Al mare invece l'ambiente era mooolto meglio :)))
      Come sta Cesare? Se hai voglia scrivimi anche via mail, che mi fa piacere

      Elimina
  3. Ma che impresa titanica! Io ho sudato solo leggendo il post!
    Tanta stima!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh :) il sudore è stato grande protagonista dei due giorni, un po' il caldo un po' i "bagagli" da portare, ma a parte la fatica fisica è stato bello...ho già quasi voglia di rifarlo...quasi però :)

      Elimina