lunedì 13 luglio 2015

Qualcosa hai sbagliato...mi sa....


Partendo dall'inconfutabile dato di fatto che in casa marito e moglie, pur essendo entrambi lavoratori, non fanno la stessa quantità di lavori domestici, manutenzioni varie e riordino, passiamo al secondo dato di fatto: neanche madre e padre fanno la stessa quantità di quanto sopra, né di attività relative al loro figliolo.
Bene, questo lo sanno tutti.
Però.
Però almeno sei riuscita a stabilire, col tuo filosofico marito, che lui ha in casa alcuni compiti FISSI:
- lavare i piatti a pranzo (le volte che c'è)
- rifare il letto
- occuparsi di pattume e differenziata.
Poi dovrebbe aiutarti, a richiesta, su altre cose. Come qualsiasi essere umano abbastanza grande per farlo.

Cazzo, roba da premio Nobel, disse la marchesa stupita.
Bene.
E allora perché casa tua negli ultimi giorni sembra esplosa?
semplice.
perché tu arrivi DOVE PUOI.
Perchè con questo schifoso caldo che tu da sempre odi, tu non riesci a fare molto.
Perchè TU col caldo stai male, svieni, vomiti, hai la pressione massima a 90 e stai di merda.
Tuo marito adora il caldo. Col caldo rifiorisce. Fanculo.
Il neonato, pare, ha preso da te. Col caldo si agita, povero, suda, non dorme bene, ha le smanie.

Aggiungiamo, per insaporire la zuppa, che tu mangi qualsiasi prodotto del regno vegetale tranne due cose: melone e rucola.
Il melone, in particolare, ti fa schifo.
E allora perché Il Filosofo si ostina a comprarne sempre UNO INTERO, peraltro in avanzato stato di maturazione, sapendo che non riuscirà MAI a finirlo prima che marcisca?
Vogliamo chiedercelo? No, non vogliamo.
Come sempre, finisce che ne rimane una parte a marcire in frigo, appestando l'aere.
così chiedi al marito di buttare via quella cosa ormai spappolata. Buttarla via e, aggiungi conoscendo il tuo pollo, buttare via anche il pattume.
Sì.
E così arriva la fatidica mattina, con 38 gradi alle 10 (percepiti 900, grazie all'umidità, in cui scopri che tuo marito ha sì buttato il melone, pio ha preso il sacco del pattume e l'ha appoggiato graziosamente sulla portafinestra del terrazzo nella sala ingresso.
Che aveste un palazzo, magari uno non se ne accorge, ma nei 3 mq che è casa vostra...basta un niente a riempire casa di un inquietante odore di fossa settica.
E così scopri che il melone, offeso per essere stato gettato, ha prodotto una quantità di liquame che credevi solo i cadaveri di grosse vecchie artitriche balene potessero produrre.
cosa fare?
Cosa fare, dopo avere chiamato al telefono il Filosofo che si è ritirato altrove per studiare, per non avere distrazioni, e scoprire che “prima di 3-4 ore” non torna?
Per un folle attimo accarezzi l'idea di lasciare il mondo com'è, poi guardi la faccina innocente di tuo figlio neonato e realizzi che non puoi farlo stare nel liquame e nella puzza e nello schifo assoluto.
Il figlio neonato è, chiaramente, infastidito dal caldo, assonnato e lamentoso.
Il momento ideale per lasciarlo lì da solo e dare lo straccio.
Dopo qualche minuto di lavoro frenetico ti ritrovi sudata come un cane bagnato (e altrettanto odorosa), con un bambino disperato che non riesce a prendere sonno e suda pure lui, e un pattume, avvolto in strati di carta di giornale e nuovi sacchetti, che chiede di essere buttato.
E quindi, tentando di calmare il neonato, lo infili nel mei tai: praticamente cerchi di insaccare un polipo urlante e viscido, che cerca di tuffarsi sulla tetta e contemporaneamente di sdraiarsi per dormire.
Scendi 4 piani di scale, perché qualcuno ha bloccato l'ascensore al piano terra chiudendolo male, con in una mano il pattume osceno e olezzante, e nell'altra le chiavi di casa.
Emergi nell'accecante luce del sole, ti trascini in questo modo, salmodiando improperi a bassa voce, e butti il pesantissimo sacco nel bidone, cavando dalla tua gola un “mmmmrmrrrrrggggggh” bestiale di scazzo e fatica.
A quel punto ti volti, e davanti a te stanno passando, fissandoti tra lo schifato e lo spaventato, due giovani madri, in hot pants e tacchi (tacchi, cazzo), truccate e pettinate (pettinate, mio dio, pettinate!), con bimbi addormentati pacifici in carrozzina.
E tu, che in quel momento hai i capelli e anche l'espressione cordiale della bambina di The ring, e un neonato esasperato addosso che ti succhia rumorosamente la canottiera sudata....tu le guardi.
E pensi che hai sbagliato qualcosa. Forse anche un zinzinino in più di qualcosa.

8 commenti:

  1. Oddio se mi vedessi adesso ti farei concorrenza!!! Caldo malefico!!!!!!!!!!!! In maglietta rigurgitata e mutande, capelli legati da pazza, ho Cesare tutto sudato nella fascia perchè non c'era modo di calmarlo, io tutta sudata che ondeggio cantando davanti al computer così non si lamenta....questo caldo sta mettendo a dura prova la nostra sanità mentale!!! Però il comportamento del Filosofo mi fa molto arrabbiare!!! DEVE aiutarti di più!!! DEve deve deve!!!!!! E comunque...ti abbraccio sudatamente!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....caldo + bimbo ad alto contatto = mamma liquefatta (e bimbo pure) :-)
      Che cavolo...dell'estate mi piace che Topo può stare allegramente nudo senza tutine body cazzi vari...ma per tutto il resto...aaaaah niente come l'autunno!!
      Guarda.....no comment sul Filosofo che domani se ne va ad una fiera del fumetto...dove gli auguro di NON trovare nessuno degli albi assurdi che cerca!!!!!!!

      Elimina
  2. ...mi state convincendo che la vita senza figli sia meglio...
    oddio... anche senza marito a dire il vero, ma quello ormai...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta qui, Patalice!
      Ti dirò....a volte accarezzo l'idea, del senza marito!!!!
      Perchè se servi solo a far caldo d'estate e a lasciar disordine in giro tutto l'anno....va va va!!!!!

      Elimina
  3. Il melone frega sempre anche me che ne mangio in quantità industriale!
    Per il resto sono molto solidale...Sudo che sembro un muflone, son sempre carica tra spesa, borsa chiavi etc etc...capelli e faccia che non ti dico...Al mare una tragedia ero piena di sabbia sudore e crema...E l'Alieno appeso come un koala! Passerà e torneremo ad essere umane appena cala questa temperatura micidiale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu quoque col melone :DDDDDDD
      La mamma sherpa è uno dei famosi "must dell'estate" mi sa, che poi è un must tutto l'anno, d'estate però il sudore che ti va negli occhi e la spossatezza sono accessori imprescindibili...argh!!!!!!!!

      Elimina
  4. Solidarietà massima per il caldo, lo odio pure io e dopo 4 giorni a Palermo da mia cognata con due nipotini pestiferi e urlanti, chiusi in casa tutto il giorno...ti capisco! Mi spiace per il Filosofo, non è giusto che tu ti occupi di tutto, ma hai provato a dirglielo chiaro e tondo in faccia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto, ridetto...e fatto pure lo schemino con le cose da fare. Si è perso lo schemino. Oggi...ridetto. Da lunedì (nel w.e. egli non c'è mai) si riparte con il tentativo di mettere a regime il suo aiuto in casa

      Elimina