venerdì 14 agosto 2015

Maternità e "ma sticazzi?"

Io sono una che si infiamma. Sono sempre stata un po' una testa calda. Penso un sacco, ma un sacco, ma poi di fronte a certe cose, a certi discorsi, perdo un po' la trebisonda.
O meglio, perdo la calma, mi agito, ci sto male, ci penso per giorni, mi faccio mille pensieri e paranoie e chi più ne ha più si incasini.
E credevo, sinceramente, che con la maternità sarei peggiorata. Trasformandomi in un magma di ansia e agitazione e sclero e incazzatura col mondo che mi dice cose che non capisco o che non voglio che mi dica o che non si fa i cazzi suoi.
E in effetti...mi capita. Lo ammetto.
Lo dimostra il post qui sotto, lo so.
MI incazzo ancora, e mi agito ancora...e parecchio.
Ma non quanto credevo.
Non sono certo diventata Gandhi, e non ho la pace interiore del Buddha o di chi per lui (ma con gli addominali rilasciati che mi ritrovo, un po' Buddha lo sembro, va beh)...però sono un po' meno infiammabile.

Comincio, COMINCIO, a farmi scivolare addosso alcuni discorsi che fino a pochi mesi fa avrei preso male.

Mia suocera non si fa mai vedere, perchè abita a ben mezz'ora da qui, e lì dove sta ha altri due nipoti. E quindi, ogni volta che deve venirci a trovare, salta fuori che deve fare qualcosa per "i bambini". I bambini sono i bambini di là, Topo non è incluso.
Ok, a me non è che sta cosa sembri bellissima, però prendiamo il lato buono: niente suocera invadente!
Solo che la suocera non è che siccome non viene, poi si tiene le sue idee per sè.
NO.
Mi sta facendo una testa tanta sullo svezzamento.
Che lo svezzamento deve seguire tabelle precise, che un certo alimento va introdotto a sei mesi, l'altro a sei e 3 giorni, l'altro non prima delle 8 di sera dell'ottavo mese, ma solo se il bambino ha girato la testa verso destra per tre volte quel giorno.
E che palle però.
Io sono contenta che a Topo la frutta piaccia, sono contenta che sia curioso e sono contenta di aver a disposizione tanta frutta di stagione da fargli assaggiare.
E lei continua a dirmi, a ogni telefonata: Ma una pera no? Ma una mela no?
Ma porca vacca, se mela e pera NON SONO DI STAGIONE ORA, la pianti di propinarmele come fossero l'unico frutto sulla terra?

Ogni volta, ogni volta, io gentilmente le dico: "Preferiamo dargli frutta di stagione". L'ultima volta ho aggiunto, ed è vero, che ho il benestare della pediatra.
Niente, non va.

E' vero che io potrei mentirle, dirle che ha ragione. Ma mi sono rotta. Non ha ragione. E non ho voglia di sprecare energie a mentire a lei.
Così quando l'altra sera mi ha chiesto cosa aveva mangiato Topo quel giorno, io ho risposto: "sono arrivati i primi fichi. Abbiamo mangiato un po' di quelli".
Risposta sua: "aaaaaaah! Ma hanno i semini!!!!!! Vado a CONTROLLARE su internet se a cinque mesi può mangiare i fichi".
Risposta mia: "gli sono piaciuti."

E devo dire che, in tutta onestà, ho trovato sgradevola sua uscita, e fuori luogo.
Ma poi...ho pensato... E STI CAZZI???????
Ma controlla dove vuoi, vai anche a chiedere all'oracolo di Delfi.
Lui sta bene. Mangia volentieri, fa cacca e pipì come un orologio, cresce ed è felice.
Sticazzissimi di quello che pensi tu su come IO svezzo mio figlio. E dico IO, perchè il tuo, di figlio, col piffero che si mette qua con me a farlo.
Quindi...faccio io? E allora decido io. Anzi, io e Topo. Coaudivati dalla pediatra.
Che pace. Che senso di pace dire la verità e poi fregarsene se non piace.

8 commenti:

  1. Io non ce la faccio proprio a sopportare i consigli non richiesti....se poi sono consigli del cavolo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...come ti capisco. Io, stupendomi di me stessa, a volte riesco a farmi scivolare addosso. A volte :)

      Elimina
  2. La miglior strategia lasciarli parlare e poi fare come cavolo ci pare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. verissimo. A volte però mi rompo e allora dico come la penso...mica potran parlare solo loro :)

      Elimina
  3. Oh come ti capisco, lo sai benissimo! I consigli non richiesti sono odiosi, insopportabili, mi fanno girare tutto e non riesco a calmarmi e ci rimugino per giorni! E' proprio per questo che ho pensato sia meglio evitare di tornare in Italia, voglio mantenere una certa distanza con le famiglie, educare Paciocco come vogliamo noi senza interferenze. Per lui e per me, per la mia sanità mentale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu parli con saggezza. La lontananza fisica magari non basta, o non risolve del tutto..ma aiuta...oh se aiuta!!!!

      Elimina
  4. Ahahah io sai che faccio con mia suocera? Dico si si come ai matti e poi faccio quel che voglio! Ma la mia in genere è brava e andiamo molto d'accordo, mi dice sempre che sono una mamma bravissima eccetera, certo vive in Spagna (mio marito è spagnolo) quindi ci vediamo poco..ma anche prima quando vivevamo in Spagna e la vedevo ogni week end andavamo d'accordo...ogni tanto se ne esce anche lei però eh, con certe sparate...tipo la tua! Io, appunto, dico sempre si si hai ragione ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh ogni tanto uso questa tecnica anch'io, dipende dall'umore...e da quanto ho voglia di sopportare rompiture!

      Elimina