mercoledì 16 settembre 2015

Sed fugit interea fugit...

A me sembra che ultimamente il tempo mi scappi dalle mani. Come la famosa sabbia tra le dita. Una cosa così. Che ti sembra di averne una manciata, poi ci guardi  e sono rimasti quattro granelli appiccicosi.
Che diamine.
Il tempo, se non fugge, quantomeno corre.
Il 15 settembre Topo ha compiuto sei mesi.

SEI MESI.

No dico. Sei mesi.
Mi ricordo lui appena nato, appena un attimo fa, e la mia ostetrica di fiducia, quella del pre post parto e che ancora frequento, che mi dice "fino ai sei mesi, ricordati, non esistono i vizi".
Ricordo me stessa in crisi per l'allattamento misto che pensavo "come faccio ad arrivare ai sei mesi? come faccio se ho così poco latte?".
Ricordo un sacco di cose e mi sembrano IERI.
Sono passati sei mesi.

Topo è la mia gioia, la mia incredibile meraviglia.
Pochi giorni fa è spuntato, una piccola montagnetta affilatissima, il primo dentino, e non ho fatto in tempo a capire davvero questa nuova, grande, importante novità...che sta sbucando anche il compagno, a fianco.
A volte mi sembra di essere travolta, di non capirci niente e di non sapere come e cosa fare.
Poi mi fermo e scopro che le cose cambiano.
Per esempio, Topo ha imparato che la pappa è moooolto più buona se la mangia da solo: nei fatti, questo significa che butta entrambe le manine nel piatto e con la "presa a pugno" strizza un bel po' di pappa, poi se la porta alla bocca.
Prima si limitava a spalmarsela in faccia e in testa. Ora se la porta ANCHE alla bocca.
Perchè lo shampoo ai multicereali e verdure non ce lo toglie nessuno.
Non c'è che dire, mangiare gli piace. Qualsiasi cosa che gli proponga, gnam!
Ogni tanto ficca le mani nel mio piatto, e apprezza molto quello che gli lascio afferrare (che se fosse per lui andrebbe dal radicchio alla lasagna).
Ormai a mia suocera non dico più nulla, che se sapesse che qui ormai abbiamo assaporato tutte le verdure immaginabili e spesso e volentieri pure la pasta di mamma...mi fa causa per togliermi la potestà!
Ma Topo, che non sa di avere una madre degenere, ride sempre tanto, col suo dentino in vista.
La gente mi guarda e mi dice "che bambino felice", con tono stupito.
Anche mia madre. Stupita. A volte aggiunge "sei fortunata" e io le rispondo che forse, se lui è tanto felice, forse è anche merito del clima sereno che gli costruiamo intorno noi, i suoi genitori. che magari non è solo che ho culo.
Ma con lei ogni conversazione è una battaglia. Anche se sto migliorando molto, nello smontare la sua aggressività.
Vinco piccole battaglie, dalle quali esco stremata.

Topo invece è pieno di energie, balza in avanti (di testa), striscia, rotola e fa il ponte (braccia e gambe drittissime e sedere per aria) e vorrebbe continuare a muoversi, strillare, ridere e afferrare cose per 24 ore al giorno. A volte per un po' se ne sta seduto a gorgogliare e a giochicchiare con doudou, ma dopo pochissimi minuti ricomincia "l'allenamento". Che voglia entrare nei marines?
Ogni tanto l'ostestrica, quando siamo da lei con gli altri bambini, che sono quasi tutte femmine, ride e dice "eh Topo è un vero maschio...si vede", mentre lui gorgogliando e "lallando" rotola cercando di mordicchiare qualsiasi cosa, e le bimbe intorno sembrano deliziose bambole intente a osservare il mondo.
Per fortuna non tutte le bimbe sono così tranquille, e quando arrivano quelle più curiose e movimentate è divertente vederli insieme mentre si guardano, ridono e cercano di mangiarsi a vicenda!

Si continua a dormire poco, la notte, e io sono sempre più stanca e rincoglionita.
Topo pesa più di 8 kg, è grande e agitato, ma è anche tanto coccolone e tenerlo in braccio mi sta uccidendo il polso sinistro, visto che è con quel braccio che lo reggo mentre con l'altro faccio tutto il resto.
Evviva il mei tai e il manduca che mi salvano dalla perdita dell'arto!

Nel frattempo comincio a sistemare casa, a togliere gli oggetti potenzialmente pericolosi, cerco di capire come fermare i pensili e i cassetti raggiungibili e creo barricate di cuscini e traverse quando devo lasciarlo da solo....barricate che lui, indefesso, cerca di abbattere a testate, quando non riesce a scalarli. Prevedo momenti di puro panico, molto presto, quando conquisterà la motricità verticale!

Ricordo che mi sembrava che lo svezzamento sarebbe stato un momento difficilissimo, ora che con quello siamo avviati...inizio ad avere paura di altro.
Ho paura di quando a gennaio lui comincerà il nido, perchè è tanto piccolo, e perchè poi spesso dovrà stare anche con i miei genitori...e io sono terrorizzata all'idea. Ho paura e cerco di non pensarci, e allora  mi concentro su altro.
Mi concentro sulle gioie di adesso.
Su quanto io lo trovi splendido ogni volta che lo guardo, che lo abbraccio, che lo coccolo.
Ieri sera riparlavo del parto...a volte mi sembra ancora una cosa troppo incredibile che da me, dal mio corpo, sia uscito LUI. così splendido e perfetto come solo occhio di mamma vede il cucciolo.

Ci sono momenti pesanti, e non sono colpa di Topo, ma della mia stanchezza, delle incomprensioni col Filosofo, della mia paura per il rientro al lavoro e per tatne cose.
Una delle maggiori fonti di stress è la gestione dei nonni, cioè i miei genitori, che la nonna paterna è meno presente e meno da "educare".
E' un bel casino, dovergli affidare il bimbo e non potermi fidare di loro. Un bel bel bel casino. Ci sto lavorando. Ma è dura.

Nel frattempo...lui ha compiuto sei mesi e io mi sento incredula.
E mi sorprendo a pensare che davvero, senza a volte che io me ne accorga, fugit irreparabile tempus.
Ancora pochi mesi e sarà nido, e sarà lavoro, e sarà anche tutto diverso, perchè leui sarà ancora più grande. Intanto questi ultimi mesi a casa voglio godermeli. Poi sarà inverno. E saranno tanti cambiamenti.

17 commenti:

  1. Che meraviglia leggere queste righe. Non c'è bisogno che sia io a dirti quanto il tono delle tue parole sia cambiato con l'arrivo di Topo.
    Sono tanto felice per te!! Auguri per questi primi sei mesi di nuova vita.

    RispondiElimina
  2. Che bello leggere un tuo passaggio qui! Topo mi ha letteralmente centrifugato la vita. ...:-)

    RispondiElimina
  3. quante somiglianze con Kiki! ma davvero si notano quelle differenze tra maschi e femmine? saranno i geni vichinghi ma mia figlia non si tiene (oltre 9kg a 7mesi) e ho il polso sinistro anche io fuori uso. Qui il nido sotto 12 mesi non esiste e anzi la maggior parte inizia dopo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ultimamente ho visto anche maschi ben più contemplativi di Topo :-)
      ..e non posso neanche incolpare i geni vichinghi!!!!!
      Con Kiki potrebbero divertirsi molto, prendendosi a testate per esempio :-)))))

      Elimina
  4. Oddio che emozione! !! Leggendo di voi è come avere una finestra sul nostro prossimo futuro! !! Se può consolarti anche noi nido a gennaio e Cesare sarà più piccolo di Topo! ! E anche io poco fiducia nei nonni (suoceri)....ce la faremo! !! E se Topo è felice è proprio merito vostro! !!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh ti auguro che Cesare sia un po' meno auto ed eterodistruttivo..chissà :-)
      Aaaaah i nonni....ahhhhh il nido...ansie ansie ansie ansiose

      Elimina
  5. Che bellezza leggere le tue parole......
    Topo è fortunato ad avere una mamma come te......
    Sulla fiducia verso i nonni, ti capisco...ma con i suoceri nel mio caso. Infatti non riprenderò il lavoro finché il piccolo non potrà andare all'asilo...preferisco tenerlo io....e poi lavorerò solo mezza giornata quando lui è lì....però ho culo visto che lavoro con marito e quindi posso facilmente organizzarmi..lo ammetto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai bene, visto che puoi organizzarti! Qui facciamo di necessità virtù, e il nido ci è sembrato la cosa migliore. Anche perchè non è che avessimo molte altre possibilità :)

      Elimina
  6. A chi lo dici il mio lunedì fa dieci mesi.lo guardo ed è già un ometto.se guardo le foto di quando è nato non lo ricordo così piccolo.2 ,400 chili,uno scricciolo e ora invece è un terremoto.peccato che qui di denti nemmeno l ombra.ma tanto mangia più di me anche senza :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gabriel cresce tantissimo, leggo i tuoi aggiornamenti nel blog e sembra già un bimbo grande! Che meraviglia...sta crescendo bene

      Elimina
  7. che bello leggere questo post! mi apre una finestra sul nuovo mondo che mi aspetta e traspare proprio il tuo entusiasmo, pur dietro alla stanchezza e alle preoccupazioni di cui parli. Ma quando inizierai di nuovo a lavorare esattamente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io inizio a metà dicembre, e lì cercheremo di organizzarci con il Filosofo, poi da gennaio nido...anche se solo part time, la mattina, perchè full costava un po' troppo e comunque due pomeriggi a settimana io sono a casa...gli altri 3...ehm...non so come faremo

      Elimina
  8. Cara Diarista, ho letto il tuo post appena uscita da uno dei tanti esami necessari alle aspiranti mamme "speciali", quelle che inseguono il loro desiderio senza riuscire ad avverarlo... L'ho letto e ho sorriso, perché mi è sembrato una specie di regalo. Una gioiosa speranza. Auguri a Topo e ai tuoi sei mesi di mamma meraviglia! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beatrice, benvenuta! Io piace molto averti qui :-D! Spero tanto di essere di buonissimo auspicio...

      Elimina
    2. Io ringrazia te tanto. :-) Sono così emozionata di essere riuscita nell'impresa terribilmente ardua (!) di lasciarti un commento!

      Elimina
  9. Ciao Diarista, sono, come mi definisco io, una mamma-non-mamma, ancora all'inseguimento del sogno. Mi fa sempre un sacco piacere leggere le esperienze di ex-ricercatrici, mi incoraggia ad andare avanti. Quindi, grazie!
    Senti, ma l'hai notato anche tu che quando un bambino e' felice e piange poco, ti dicono che sei fortunata, e invece se si lamenta piange o "disturba", ti guardano tutti come per dire "oh, ma non sai tenere a bada tuo figlio? Che schifo di mamma devi essere!"?
    Sto per aprire un blog sulla mia vita da infertile, e sicuramente ti inseriro' nel mio blog roll... A presto e tanti auguri per la tua felice vita da mamma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carmen benvenuta!
      Fammi sapere quando aprirai il tuo blog, così vengo a trovarti :).

      p.s. assolutamente sì...se il pupo piange o è nervoso...sono io che "gli passo il mio nervosismo", se ride ed è pacioso sono fortunata. Sgrunt!

      Elimina