martedì 13 ottobre 2015

Mi sono rotta le palle (e la mandibola quasi...). Post ad alto contenuto di turpiloquio. vaccini e cazzate.

Della mandibola parleremo poi.

Dei testicoli che non possiedo, ma che mi sono rotta lo stesso, parliamo ora.

Mi sono rotta di chi mi dice che i vaccini avvelenano mio figlio.
Invece il fatto che ancora oggi (pochi giorni fa a Bologna) un neonato possa MORIRE di pertosse perchè ha solo un mese e non può essere vaccinato ancora...e magari contava sulla fottuta immunità di gregge, questo non è un veleno per una società del 21° secolo?!

Mi sono rotta di chi dice "I vaccini li fanno le case farmaceutiche".

Risponderò citando "diecimila me": E CHI CAZZO LI DOVREBBE FARE, BANDERAS NEL MULINO BIANCO???

Mi sono rotta anche di chi dice, credendosi un genio: "Ah ma tanto c'è l'immunità di gregge".
1. Coglione, il gregge lo fanno le persone, se tutti la pensiamo come te col cazzo che c'è il gregge. Anzi sì, c'è un gregge di stronzi che pensano "tanto se ne occuperanno gli altri".

2. E quindi? Vuoi sfruttare il gregge perchè ti piace la protezione da malattie potenzialmenet mortali, ma ti rompe l'idea che tuo figlio possa avere un po' di febbre dopo? Bello esser froci col culo degli altri!
 

Mi sono rotta di chi cita l'autismo. Prima o poi, magari subito, leggetevi come è andata la faccenda. Scoprite che il tizio che ha pubblicato lo studio autismo - vaccini ha fatto uno studio a cazzo di cane, non ha neanche più la licenza medica.

E detto da me, tutto questo, che vengo definita dal Filosofo una "complottista scassamaroni"...detto da me è perchè mi sono frantumata le ovaie a sentire certi discorsi di gran cazzo. Ebbasta.





6 commenti:

  1. a scanso equivoci premetto che ho vaccinato mia figlia e che sono d'accordo con quello che dici. Volevo però sottolineare anche che quando mia figlia è nata qui in Svezia (dove le percentuali di vaccinati sono molto alte) ci hanno intimato di non portarla in luoghi pubblici nei primi 2 mesi di vita, e di tenerla lontana da bambini in età prescolare, di fare attenzione che eventuali fratellini limitino i contatti etc. Questo perché le infezioni polmonari così comuni in inverno e non eliminabili con vaccini visto che sono in costante evoluzione, sono potenzialmente letali per i neonati. Per la stessa ragione la maternità dell'ospedale è off-limits ai bambini pure se parenti. Queste restrizioni sono giudicate eccessive in Italia e so da addetti ai lavori che trovano regolare opposizione alla loro implementazione. Ecco, volevo solo dire che è molto giusto poter contare sull'immunità di gregge ma a un mese bisogna lo stesso fare tanta attenzione e non bollare le precauzioni come esagerate!

    RispondiElimina
  2. Hai ragionissima. Personalmente mi sembra che le precauzioni di cui parli siano talmente sensate che dovrebbero applicarle tutti, ma come tu mi ricordi (giustamente), in Italia questo non avviene.
    In effetti mi hanno trattata, in molti, come un'esagerata, quando non volevo visite a cazzo di cane (specialmente bambini) al Topo di poche settimane.
    Tornando al tuo discorso, hai ragione, rileggendo il mio post mi sono espressa in modo impreciso...non intendevo dire che bisogna contare solo sul gregge, le precauzioni vanno prese!!!
    la combinazione migliore, e neanche così assurda da praticare, arebbe:
    - agire con un senso e con precauzioni
    - vaccinare vaccinare vaccinare.

    Ma credo non ci arriveremo mai, a questo, almeno qui.

    RispondiElimina
  3. Sai che dopo averci riflettuto a lungo e con non poca preoccupazione (come te) abbiamo vaccinato Cesare. Per cui sono d'accordo molto con te. Ora c'è il problema del richiamo:mi hanno consigliato di aspettare a farli perché la copertura dura un anno e dato che lui ha questo qualcosa al fegato sarebbe per non intossicarlo ulteriormente. Ancora non ho deciso che fare però. ..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non ho capito male i richiami servono per "aumentare" la copertura del vaccino...del tipo che è più "coperto" man mano che richiami, ma non vorrei dire una cazzata.
      In ogni caso...hai parlato con pediatra e centro vaccinazioni? Se secondo loro è più saggio aspettare (pur mandando il pargolo al nido) immagino che ti diranno anche quanto rimandare (mesi? fino all'anno?) per fare il meglio per Cesare!!
      Certo che ci sono sempre decisioni da prendere e su cui pensare....

      Elimina
    2. Una volta che il virus inattivato viene inoculato nel corpo del bimbo, il sistema immunitario reagisce creando anticorpi specifici per quel virus. Si è visto che in molti casi, per avere una copertura completa della malattia, bisogna ripetere il vaccino per tre volte, che devono essere ravvicinate. Poi con il passare degli anni, ci possono essere altri richiami, perchè con il tempo l'efficacia del vaccino diminuisce e il nostro sistema immunitario ha bisogno di una rinfrescatina di memoria per non dimenticarsi di produrre quel tipo specifico di anticorpi! :)

      Elimina
    3. Vedi, ad avere la biologa che legge? ecco la spiegazione per i richiami!!!

      Elimina