lunedì 29 agosto 2016

In vacanza CON o PER i bambini

Se ne parlava una sera con un'amica.
Lei mi raccontava di un'altra famiglia, in cui i genitori si dedicano talmente tanto all'intrattenimento dei figli, da aver fondato una specie di associazione che si occupa, se non ho capito male, di divulgazione scientifica per bambini.
Posto che a me una cosa così sembra fighissima, e anzi...li voglio contattare per sapere se c'è qualcosa che può andar bene per Topo, il discorso era poi un altro.
Lei mi diceva che questa famiglia organizza anche tutte le vacanze PER bambini, considerando solo le loro esigenze: villaggi turistici con super animazione, posti da visitare solo se adattissimi a bambini e così via.
Lei e il marito invece (due bambini, 6 e 4 anni circa) hanno ridotto un po' le vacanze, con i bambini, ma hanno sempre scelto mete e cose da fare in base ai loro gusti (specie di lei, lui va a traino).
I bambini si adattavano. E se non si adattavano, si sarebbero annoiati (parole sue).
E così, chiacchierando...abbiamo parlato anche di me.
Di me, anche perchè il Filosofo è ancora più a traino del suo, di marito.
Il Filosofo a volte manco si traina, non viene proprio :-)
E quindi, mamma al potere.
Ma che potere è?
Mmm...a pensarci, mi sa un po' e un po'.
Io sono (ero?) da vacanza spartana, con bagaglio a mano anche per settimane, e magari col couchsurfing.
Città da visitare, soprattutto. Città in cui infilarsi, proprio a partire dalle case altrui.
Poi arriva Topo. E le cose sono cambiate.
In effetti, le mie prime vacanze con Topo sono state decisamente PER bambini.
Siamo stati un paio di giorni al mare, io e lui.
Alberghetto vicino al mare, in paesetto tranquillo.
E ad altre piccole gite ho rinunciato perchè avevo paura della gestione topìzia.
In realtà a settembre me lo sono portato al mercato internazione di Ferrara, un'oretta di viaggio circa, ma mi piace troppo girare per le bancarelle (per quanto care) di cibarie assurde.
Il trend di vacanze a misura di bimbo è continuato anche quest'anno:
il Filosofo è venuto con noi in montagna, e anche qui abbiamo scelto una località tranquilla, fresca, con praticamente nulla da fare se non gironzolare per il minuscolo centro e fare passeggiatine, anche di misura di passeggino.
E prima di partire, mi ero anche premurata di cercare per bene le opportunità per il Topo:
- biblioteche per ragazzi aperte nelle vicinanze (e in trentino le biblioteche spaccano)
- piccoli parchi gioco (anche questi sono fantastici, ben tenuti...e con un sacco di giochi per tutte le età, scivoli, strutture per arrampicarsi, con finestrelle etc.)
- supermercati.
E siamo andati in appartamento, per avere più libertà di getione del Topo, con spazi e mangiare organizzato a piacere.
Dopodichè, con Topo sono tornata al mare, di nuovo un paio di giorni, per fargli fare ancora un po' di cura di mare.
Ancora vacanza per bambini, cercando il paesello tranquillo e la spiaggia che digrada dolcemente e un po' di giochetti in spiaggia (e la doccia calda, che diamine, pure per la mamma!!!).
Se ci penso, però...le nostre vacanze sono un po' per bambini e anche un po' "con"...
Per esempio, Topo mangia quello che c'è. Magari non fritti a pranzo e cena (e quello neanch'io...), ma se ci si arrangia, lui fa parte dell'arrangiamento.
Il che, d'estate, è molto facile.
Se si mangia fuori, di solito cerco di prendere per lui il pesce, visto che al ristorante lo sanno fare meglio di come lo faccio io, ma non avendo bisogno di menu bimbi e altre cose, tutto è molto più facile.
Pian piano, poi, sto ricominciando a introdurre cose che interessano davvero anche a me.
Pian piano...per esempio, sto mettendo da parte i soldi (perchè se si vuole "viaggiare" bisogna rinunciare a qualcos'altro, fa parte della vita) per andare insieme al Topo a vedere una mostra che mi interessa.
Quella sarà una vacanza CON bambino, più che per.
Anche se prima di partire, visto che vorrei stare via anche una notte (troppo sbattimento se no), penso che comunque cercherò di vedere se c'è qualche parchetto per giocare interessante.
Mostra per me, parco per correre e arrampicarsi per lui, cibo tipico della zona per tutti e due! :-)
Sicuramente dipende molto dal fatto che Topo sta crescendo.
Quando era un minuscolo frugoletto c'era la gestione del latte artificiale, che bisognava preparare scaldare gestire etc., per esempio.
E bisognava anche trasportare Topo sempre e comunque.
Ora Topo se magna pure i muri, e corre più veloce di me.
Due dati molto interessanti, anche se quando la belva finisce l'autonomia va comunque trasportata in qualche modo!!!
Di sicuro, anche se io cerco di viaggiare leggera, Topo ha cambiato la questione bagagli: anche se per me non porto molto (e spesso riesco a ficcare le mie cose nella borsa del cambio di Topo), comunque la sua borsa del cambio è sempre presente, con annesso libretto pediatrico. E di solito anche una mini borsa frigo, per i nostri quintali di frutta e verdura quotidiani.
Le mie ex vacanze super nomadi a scarpinare qua e là per il momento sono un po' accantonate: fare la mamma-sherpa limita le mie capacità di movimento, ho bisogno di essere più stanziale...se no non sono più vacanze, ma devastazione.
Mi domando...mamme che magari capitate qua e mi leggete...che fate, voi?

8 commenti:

  1. Noi questa estate siamo stati in Italia dai miei e capirai che lì non mi sono posta troppi problemi sulla gestione di Miracolino.
    Da quando è svezzato abbiamo fatto qualche we fuori e mi portavo il cibo per lui prediligendo appartamentini così da poter conservare/scaldare le pappine con facilità, mentre ovviamente prima bastava solo la tetta e via!
    Sulla questione intrattenimento ancora è piccolo per cui gli basta anche solo guardarsi attorno e avere i suoi giochini preferiti, ma quando crescerà l'opzione vacanze PER e CON bimbi mista trovo nei limiti del possibile che sia la più corretta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Topo è sempre stato molto attratto dal "fare", andare, scalare, montare e smontare...della serie...bisogna inseguirlo costantemente per controllare che non esageri con l'esplorazione :)

      Elimina
  2. secondo me la vacanza dev'essere rilassante.
    se una vacanza CON diventa stressante allora molto meglio una vacanza PER. E viceversa, ovviamente. Che io sono dell'idea che se stanno bene i genitori sta bene pure il pargolo, a prescindere da dove si vada.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Relax...che bella parola!!!
      Devo ancora trovare il modo di fare una vacanza un po' riposante. ma rilassante in effetti sì

      Elimina
  3. Noi siamo u po' egoisti lo ammetto, per ora vacanze per noi! nel senso che abbiamo scelto mete che piacevano a noi per il mare il costo ovviamente sempre un occhio alle comodità per il pargolo. Ma i due anni in Grecia sono andati bene esattamente con quest'anno in Puglia sia aereo (2 ore età mezzo 4 mesi e 1 anno e mezzo) che machhina (9 ore età 2 anni e mezzo) E si è sempre divertito e sempre stato bene.
    Poi l'anno prossimo vedremo...navighiamo a vista.
    Certo per le gite preferisco posti per lui perché se si va in posti dove non puo' scorrazzare diventa ingestibile e pesante per tutti benché sia un bimbo piuttosto tranquillo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, 9 ore in macchina con Topo al momento sarebbero inaffrontabili. un po' perchè spesso sono da sola con lui negli spostamenti...un po' perchè forse non li gestiamo benissimo, anocra! Urge miglioramento

      Elimina
  4. Eccomi in ritardo, ma ci sono. Io sono a favore della vacanza PER i bambini, nel senso che non si può fare finta di essere quelli di prima, come se i bambini non ci fossero. Per ciò le nostre vacanze sono tanto cambiate, anche perchè secondo me tentare di fare una vacanza da "gggiovani" con un pupo è da masochisti. Ci vogliamo rilassare e far stare bene Cesare, abbiamo viaggiato e ce la siamo spassata tanto prima del suo arrivo, quindi ora è giusto che ci adeguiamo un pò a lui. Quando sarà più grande allora si che faremo vere e proprie vacanze "con" lui, magari in qualche città, a vedere musei che possano piacergli, e sarà fantastico. Ma per un bel pò di anni, la parola d'ordine per me è "volare basso", poche aspettative e risparmiamo le energie che ne abbiamo poche!!!! :) :) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche qui si vola parecchio basso, anche se io ho in mente qualche piccola gita un po' più "culturale"...vedremo se sarà un super fiasco :)

      Elimina